Lettera Aperta a Manifestanti e Manifestazioni.


Cari Manifestanti,
Care Manifestazioni,

mi trovo oggi, qui, a scrivervi questa lettera che mi sale dal profondo del cuore dopo aver visto gli scontri occorsi, nuovamente, ieri a Roma, durante la manifestazione degli attivisti dei “movimenti per la casa” che si sono (ma che strano) scontrati con le forze dell’ordine.

Poco più di 10 giorni fa, il 19/10, un’altra manifestazione e altri scontri… sempre a Roma.

..manco ci si ricorda più il perchè si manifestava il 19, ci si ricorda solo che si sono di nuovo menati.
Ovviamente poi c’è anche la foto simbolo, perchè, può mancare? Eh no!

Comunque, anche allora je hanno menato.
Ancora.

Che poi, dicono, “poverini sti manifestanti, prendono botte. Polizia cattiva”.
“MA DE CHE”, rispondo io.

Ora, IO LO SO CHE CHI SCENDE IN STRADA E’ GENTE PACIFICA, CON INTENZIONI PACIFICHE; GENTE CHE VUOLE MANIFESTARE LE PROPRIE IDEE, GENTE CHE HA IL DIRITTO COSTITUZIONALE (sempre che ancora valga qualcosa, sto diritto) DI MANIFESTARE PUBBLICAMENTE LE PROPRIE IDEE, GENTE CHE HA IL SACROSANTO DIRITTO DI FARE SENTIRE LA PROPRIA VOCE, IL PROPRIO DISSENSO E IL PROPRIO FASTIDIO.

Tutto questo nasce sempre con una idea pacifica EPPURE OGNI FOTTUTISSIMA VOLTA PARTONO SCONTRI, PER GENTE CHE VA LI SOLO ED ESCLUSIVAMENTE PER CERCARE LA RISSA.
Dicono che sono infiltrati, ma possibile che lo siano tutte le volte?
BLACKBLOCKS, CENTRI SOCIALI, FACINOROSI, CHE SI INSINUANO E SCATENANO ONDATE DI VIOLENZA E DEVASTAZIONE COPERTI DA MASCHERE E ARMATI DI BASTONI E PIETRE (quando va bene).

Ogni
Fottuta
Volta.

Allora mi domando e dico, cari Manifestanti e Manifestazioni, com’è possibile che ogni volta questo venga permesso?
No, non vi do la colpa, non dico che li appoggiate; dico solo che si infiltrano e fanno casino DISTRUGGENDO NON SOLO OGNI INTENTO PACIFICO, OLTRE AL SENSO DELLA MANIFESTAZIONE CHE TANTO POI NESSUNO SI RICORDERÀ PIÙ.

Non si potrebbero organizzare altre forme di manifestazione che non permettano l’attecchire e l’infiltrarsi di queste emerite teste di portone (per non dire “di cazzo”) all’interno delle vostre giuste fila?
Quali siano queste altre forme non saprei dirlo al momento ma si possono trovare idee.

L’importante è che si torni a capire per cosa si manifesti, che si possa ottenere un risultato concreto, E NON CHE SI DEBBA AVER PAURA DI DISTRUZIONE E DEVASTAZIONE ogni volta che si voglia affermare una propria idea.

Certo, qualcuno potrebbe dire “Ma in Francia nel 1789 ha funzionato”.
“E, sti cazzi” gli rispondo, “all’epoca era diverso, non troppo diverso, ma comunque era diverso. E poi allora, che se ne faccia UNA per BENE di Rivoluzione e basta. Non tutte le volte sto stillicidio”.
Però, mo, pure sta rivoluzione.. Non mi pare che in Egitto stia andando proprio bene.
Ma forse ce la dobbiamo studiare meglio.

Vabbè.. mo sto a divagà.

Comunque.
Pensateci.
Pensiamoci.
Me senza menarsi.

Poi, se son stato demagogico, e vabbè, tanto.. uno più uno meno.. però almeno ci provo pure io nel mio piccolo.

Distinti Saluti.

Steek.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: